UNIONE ITALIANA LAVORATORI METALMECCANICI

Corso Trieste, 36 - 00198 Roma - Tel. 06.852.622.01 - 06.852.622.02
Fax 06.852.622.03 - E-mail uilm@uil.it

COMUNICATO STAMPA
Uilm nazionale

Fim, Fiom, Uilm insieme firmano altri due rinnovi contrattuali: oggi, a Roma, siglato quello dei lavoratori delle Coop (10.000 addetti); ieri sera, a Firenze, quello degli orafi (15.000 addetti).

La soddisfazione della Uilm espressa da Luca Colonna, segretario nazionale e responsabile delle trattative.

"Abbiamo siglato il rinnovo contrattuale con le associazioni delle cooperative di produzione e lavoro metalmeccanico delle tre centrali Coop sulla base degli stessi parametri delle intese raggiunte con Federmeccanica e Unionmeccanica-Confapi".
E' Luca Colonna, segretario nazionale della Uilm ad annunciare l'accordo raggiunto questa mattina a Roma presso la sede della Lega Cooperative in via Guattari.
"L'intesa riguarda 10.000 addetti del settore cooperativo- sottolinea Colonna- e presenta i medesimi contenuti economici e normativi dei rinnovi contrattuali siglati negli ultimi dieci giorni da Uilm, Fim e Fiom per circa 1.600.000 addetti: slittamento della vigenza contrattuale di 6 mesi, aumento di 100 euro sui minimi retributivi, 320 euro di 'una tantum', una somma di130 euro per a chi non ha fatto contrattazione di secondo livello".
Il segretario della Uilm ricorda che ieri sera, a Firenze Ŕ stata raggiunta un'intesa anche per il rinnovo contrattuale dei lavoratori dell'industria orafa ed argentiera.
"Nella sede dell'Unione industriale del capoluogo toscano- afferma il sindacalista della Uilm- abbiamo siglato l'accordo per il rinnovo contrattuale riguardante 15.000 addetti con contratto orafo. Bisogna ricordare che la parte normativa ed economica era scaduta il 31 dicembre del 2003. In questa vertenza eravamo partiti con tre piattaforme diverse, ma dopo 25 mesi siamo giunti ad un accordo unitario. Insomma, questo contratto s'Ŕ 'agganciato' a quello dei metalmeccanici anche se i contenuti hanno una loro specificitÓ".
Continua Colonna: "Il rinnovo prevede uno slittamento della vigenza contrattuale ad ottobre del 2006 (considerando che l'ultimo biennio economico decorre dal gennaio del 2004), un aumento retributivo di 118 euro sui minimi contrattuali, 360 euro di 'una tantum' per tutti gli addetti del settore".
"Tengo a ripetere il concetto di 'aggancio' di questa intesa- conclude Colonna- al contratto dei metalmeccanici. Proprio sulla base di questa spinta abbiamo chiuso anche le vertenze di ieri a Firenze e di oggi a Roma. La nostra categoria si occupa di altri tre contratti che sono ancora da chiudere: quelli degli orafi artigiani, dei metalmeccanici artigiani e degli odontotecnici. Stiamo lavorando per riuscire a dare una svolta positiva anche a queste vertenze ancora aperte che riguardano altri 450.000 addetti. Visti i precedenti, ritengo che possiamo farcela in tempi ragionevoli".

Roma, 31 gennaio 2006
Ufficio stampa Uilm

 

 

torna all'homepage