UNIONE ITALIANA LAVORATORI METALMECCANICI

Corso Trieste, 36 - 00198 Roma - Tel. 06.852.622.01 - 06.852.622.02
Fax 06.852.622.03 - E-mail uilm@uil.it

DOCUMENTO SINDACALE
Uilm nazionale

NOTA UILM PER LA IX COMMISSIONE TRASPORTI,
POSTE E TELECOMUNICAZIONI
(Audizione Fincantieri del 20 settembre 2006)

1. La UILM ritiene che il sistema Italia non puō fare a meno di un Settore Strategico come la Cantieristica .

2. Giā dagli anni '80, quando la Comunitā Europea (CEE) ha imposto la riduzione della capacitā produttiva ai vari paesi, il Sindacato e soprattutto la UILM si č impegnato al risanamento di questo Settore attraverso processi di riduzione di organici e di unitā produttive.

3. Oggi FINCANTIERI č un Gruppo risanato, leader mondiale nel settore croceristico, con tre divisioni (croceristica, mercantile e militare). Nell'ambito del Settore croceristico FINCANTIERI detiene la leadership mondiale, nel mercantile c'č bisogno di forti investimenti in tecnologie e prodotti innovativi in particolare sulle navi speciali (es. per il trasporto del gas). Sul settore militare, il Governo deve rispettare gli impegni finanziari per la costruzione del FREEM.

4. Per consolidare e sviluppare la crescita di FINCANTIERI per i prossimi anni occorre:

  1. mantenere unite le attuali attivitā produttive respingendo logiche di spacchettamento tra civile e militare;

  2. occorrono investimenti significativi su ricerca e sviluppo di nuovi prodotti per mantenere e crescere sul mercato mondiale.

5. Per quanto riguarda la privatizzazione del Gruppo, la UILM č fortemente contraria al tipo di privatizzazione avvenuta sulle Telecomunicazioni (STET) sulla quale l'Italia ha perso competenza tecnologica e circa 80.000 posti di lavoro.

6. Pertanto, sulla FINCANTIERI la decisione spetta al Governo, ribadendo comunque che sull'eventuale privatizzazione la UILM ritiene che il Governo italiano debba mantenere il controllo della Societā come azionista di riferimento per non disperdere un patrimonio economico, industriale ed occupazionale importante per il nostro Paese.

UILM Nazionale
Roma, 20 settembre 2006

 

 

 

torna all'homepage