UNIONE ITALIANA LAVORATORI METALMECCANICI

Corso Trieste, 36 - 00198 Roma - Tel. 06.852.622.01 - 06.852.622.02
Fax 06.852.622.03 - E-mail uilm@uil.it

COMUNICATO SINDACALE 
Fim-Fiom-Uilm nazionali

INCONTRO SEAM ALLA RICERCA DI UN ACCORDO

Martedý 17 ottobre, c'Ŕ stato un breve incontro informale tra il dr. Befani della Direzione Seam e i Coordinatori nazionali di Fim, Fiom, Uilm, per verificare la possibilitÓ di trovare una soluzione che permetta di rivedere il mancato accordo sulla procedura di mobilitÓ.

Alla fine dell'incontro le distanze sono rimaste importanti, ma si Ŕ anche definito un percorso per verificare reciprocamente le condizioni per un'intesa.

Come sindacato abbiamo chiarito e ribadito che non possiamo nÚ derogare in peggio a quanto previsto nella legge, nÚ discriminare dei lavoratori rispetto ad altri. Abbiamo confermato che i 12 mesi a zero ore di cassa per coloro che hanno i requisiti per la pensione e non intendono uscire, non sono praticabili. Anche sulla nuova proposta, sotto richiamata, abbiamo mantenuto delle riserve di merito, proponendo l'eventuale derogabilitÓ solo previe successive verifiche ed accordi con le RSU.

Al contempo abbiano convenuto che l'uscita incentivata dei lavoratori con i requisiti per la pensione, pu˛ essere la soluzione meno traumatica e quindi auspicata, per la gestione della crisi che Seam denuncia, confermando in caso di accordo l'impegno sindacale in tal senso.

L'azienda ha proposto di modificare l'ultimo testo da lei inviato in due punti:

1. definire come cifra minima i 460 euro mese di incentivo all'esodo, lasciando alla trattativa individuale la definizione di eventuali cifre diverse;

2. la possibilitÓ di derogare ai 4 mesi massimi di cassa integrazione nell'anno, per i lavoratori che hanno i requisiti e non intendono uscire, arrivando ad un massimo di 8 mesi di Cassa integrazione nell'anno.

L'azienda si Ŕ impegnata a verificare la possibilitÓ di una convocazione presso il Ministero del Lavoro nel caso maturassero le condizioni per una soluzione utile a superare i punti di dissenso ancora presenti. In questo caso l'incontro dovrebbe avvenire entro fine ottobre.

In caso d'accordo Ŕ stato chiarito che le lettere di licenziamento giÓ pervenute saranno annullate.

In relazione a quanto sopra vanno puntualmente informati i lavoratori per valutare le disponibilitÓ e i mandati a discutere.

Nel frattempo tutte le procedure attivate a tutela dei lavoratori per contrastare i provvedimenti di licenziamento vanno confermate e completate.

L'articolazione degli scioperi va graduata in relazione ai tempi e alle verifiche in corso.

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI

Roma, 18 ottobre 2006


 

torna all'homepage