UNIONE ITALIANA LAVORATORI METALMECCANICI

Corso Trieste, 36 - 00198 Roma - Tel. 06.852.622.01 - 06.852.622.02
Fax 06.852.622.03 - E-mail uilm@uil.it

COMUNICATO SINDACALE 
Uilm  nazionale

TELESPAZIO: SVOLTA L'ASSEMBLEA  PER L'AGGIORNAMENTO DELL'APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO D'INTESA SU  "7░"  E  "7░Q"

Il 5 maggio 2008 si Ŕ svolta l'assemblea dei lavoratori Telespazio con il seguente ordine del giorno:

  • Aggiornamento sull'applicazione del Protocollo d'Intesa su 7░ e 7░Q del 27-10-07 nelle varie aziende del Gruppo, con particolare riferimento a Telespazio.

All'assemblea hanno partecipato Componenti delle Strutture Territoriali della Uilm di Roma e L'Aquila, la Segreteria Nazionale della Uilm nella persona del Segretario responsabile per il Gruppo Finmeccanica Giovanni Contento, firmatario dello stesso Protocollo, e una valida rappresentanza dei lavoratori delle categorie inquadramentali interessate dal Protocollo d'Intesa.

L'ampio dibattito sviluppatosi durante l'incontro ha confermato il significato di grande importanza del Protocollo d'Intesa, dando evidenza di come esso costituisca uno strumento negoziale capace di dare riscontro alle elevate e peculiari professionalitÓ presenti nelle aziende metalmeccaniche italiane, nelle quali, dopo anni di costante trasformazione tecnologica e relativa crescita delle categorie 7░ e 7░Q queste costituiscono, ormai, una parte non pi¨ esigua delle risorse umane, quindi non pi¨ facilmente gestibile "direttamente e univocamente" dalle aziende (trasformazione di cui il Gruppo Finmeccanica rappresenta un esempio emblematico); tale svolta segna pertanto l'inizio di un "processo non pi¨ rinviabile", finalizzato ad una gestione pi¨ oggettiva e trasparente dei criteri di riconoscimento salariale e di benefit, adeguato al ruolo e al livello di professionalitÓ che gli stessi lavoratori svolgono in azienda.
Il dibattito ha consentito di dare evidenza delle resistenze registrate in diverse Aziende del Gruppo in merito alla corretta/completa applicazione del Protocollo, e di come tale situazione stia, di fatto, generando un sempre maggiore fermento fra i lavoratori delle categorie interessate, i quali, sia attraverso la partecipazione ad assemblee sul tema, sia con specifiche comunicazioni (come questa), ne rivendicano con determinazione l'applicazione "integrale".

In particolare, le richieste verso le Aziende del Gruppo riguardano:

  • Determinazione del numero di fasce applicate e dei relativi criteri di accesso;

  • Indicazione dei benefit associati alle singole fasce;

  • Assegnazione degli obiettivi individuali e del monte salario associato (M.B.O. o altri strumenti premianti certi) a tutti i lavoratori che operano per obiettivi (non soggetti a rilevazione oraria);

  • Riconoscimento dell'assistenza sanitaria integrativa a tutti i Quadri;

  • Informazione tempestiva alle RSU sulle modalitÓ di applicazione del Protocollo.

  • Con specifico riguardo a Telespazio, si Ŕ sottolineato:

    • Uso non trasparente del Protocollo da parte aziendale, che dopo un iniziale "atteggiamento di contrarietÓ" ha operato nell'ottica della propria comoditÓ, applicandolo limitatamente all'individuazione della fascia Quadri pi¨ alta (alla quale naturalmente sono stati assegnati un numero ristretto di lavoratori) e senza alcuna trasparenza nei confronti delle RSU e degli stessi lavoratori, cosa sulla quale le RSU Uilm di Telespazio e la stessa Struttura Uilm hanno giÓ richiamato pi¨ volte l'Azienda con comunicazioni scritte;

    • Presenza di una peculiaritÓ Telespazio, in cui, a differenza delle altre aziende del Gruppo, anche i lavoratori della 6a e 7a categoria non sono soggetti a rilevazione oraria e ai quali sono assegnati obiettivi da raggiungere. Anche per tali lavoratori devono trovare applicazione strumenti premianti certi, legati al raggiungimento degli stessi obiettivi e che, come il Protocollo vuole, seguano criteri chiari e trasparenti.

    La scrivente Segreteria giudica lo svolgimento della suddetta Assemblea come un "segnale forte" per sensibilizzare l'Azienda all'applicazione integrale del Protocollo, tenuto conto delle specificitÓ aziendali e tenuto conto che la verifica con la Capogruppo Finmeccanica, sull'applicazione del Protocollo, Ŕ prevista a giorni.


    Uilm Nazionale
    Roma,  6 maggio 2008

     

     

    torna all'homepage