UNIONE ITALIANA LAVORATORI METALMECCANICI

Corso Trieste, 36 - 00198 Roma - Tel. 06.852.622.01 - 06.852.622.02
Fax 06.852.622.03 - E-mail uilm@uil.it

COMUNICATO SINDACALE
Fim-Fiom-Uilm Nazionali

EUTELIA: I conti peggiorano

Sono ormai passati cinque mesi dalla stipula dell'accordo di solidarietÓ i cui effetti ad oggi dovrebbero essere ben visibili sui conti della societÓ.

Dobbiamo registrare invece un forte peggioramento dei conti dovuto a diversi fattori tra i quali in particolare:

  • una dinamica ancora negativa nel rapporto tra commesse acquisite e perse su cui hanno pesato un utilizzo "integralista" (soprattutto nella prima fase) del contratto di solidarietÓ ed una sostanziale immobilitÓ dell'azienda e del suo management a tutti i livelli;

  • il sostanziale fallimento di alcune scelte considerate strategiche nel piano industriale dalla societÓ;

  • una organizzazione aziendale strutturata su un rapporto utente/fornitore e con organizzazione tutta accentrata nella sede di Arezzo in antitesi con il modello di tutte le pi¨ importanti aziende del settore fortemente strutturate e decentrate su "cliente";

L'insieme di questi fattori, unitamente alle consistenze contrazione del mercato, rendono la situazione attuale fortemente critica. I provvedimenti aziendali in materia di ferie e soprattutto di pagamento delle retribuzioni (con notevoli disagi per tutti i lavoratori), rendono ancora pi¨ evidente questo stato dell'azienda che continua a "forzare" gli accordi sindacali e le normative vigenti.

In questo contesto il prossimo incontro del 10 dicembre deve rappresentare un punto di svolta nel rapporto con le istituzioni e le OO.SS. ma soprattutto la presa d'atto da parte aziendale del fallimento del piano industriale.

Riteniamo per questo doveroso che la societÓ si presenti con un nuovo piano che prenda atto concretamente delle scelte sbagliate e, conseguentemente, decida finalmente di intraprendere azioni volte al superamento della crisi nell'arco del contratto di solidarietÓ. Ulteriori ritardi e/o indecisioni, non sono pi¨ tollerabili.

Che la proprietÓ si impegni in una forte azione di rilancio della societÓ, a partire dal "fallimento" della sua gestione.

Come OO.SS. e RSU ci presenteremo all'incontro con un documento di analisi e di proposte da consegnare al Ministero e alla societÓ perchÚ non ci rassegniamo alla lenta agonia in cui si continuano a mantenere i lavoratori di Eutelia.

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI
Roma, 2 dicembre 2008

 

 

torna all'homepage